Oltre al tipo di elaborazione dobbiamo scegliere anche che tipo di aspirazione vogliamo utilizzare per il nostro elaborato. Nel particolare le tipologie possibili sono:

  • aspirazione rotante al carter (classica);
  • aspirazione lamellare al carter;
  • aspirazione "piston-ported" al cilindro;
  • aspirazione lamellare al cilindro;
  • doppia aspirazione (al carter e al cilindro);

Indice

Aspirazione rotante al carter

L'aspirazione rotante è la classica aspirazione utilizzata sui motori Vespa. In questa tipologia la fase di aspirazione del motore è gestita dall'albero motore, più in particolare da uno spallamento dell'albero motore. Lo spallamento ha una zona sagomata che durante la rotazione dell'albero apre e chiude una valvola ricavata nel carter pompa. Il tempo di apertura può essere più o meno lungo a seconda delle prestazioni che si desiderano, per questo l'albero può essere sostituito con un albero motore "anticipato".

Aspirazione lamellare al carter

Come dice lo stesso nome l'aspirazione è gestita dalla valvola lamellare, non più dall'albero motore. Solitamente si usa come ingresso al carter lo stesso condotto dell'aspirazione rotante, però per avere la resa massima possibile si rende necessario eliminare la valvola rotante ricavata nel carter pompa. Per "eliminare" si intende proprio raccordare il condotto al carter in modo che lo sbocco non venga ostruito dallo spallamento dell'albero motore. In questo caso è possibile sostituire l'albero motore anticipato con un albero motore a spalle piene (vedi albero motore).

Aspirazione "piston ported" al cilindro

L'aspirazione "piston ported" è un tipo di ammissione al cilindro che viene gestita dal pistone. Infatti la fase di aspirazione inizia quando il pistone apre la luce sul cilindro salendo verso il PMS e finisce quando lo stesso chiude la luce scendendo verso il PMI. Nelle elaborazioni tuttora non viene pressochè mai usata questa aspirazione perchè l'effetto ram-jet fa fuoriuscire molta miscela fresca dal condotto di aspirazione quando il pistone scende. Nei gruppi termici odierni non viene mai impiegata. Un esempio di gruppo termico con aspirazione piston-ported è il vecchio Pinasco DA 125cc, che ha la doppia aspirazione, con l'ingresso al cilindro senza valvola lamellare.

Aspirazione lamellare al cilindro

Questa è teoricamente la migliore aspirazione possibile, inquanto il percorso dei gas è molto breve, è gestita dalla valvola lamellare e permette un buon flusso di miscela fresca all'interno del gruppo termico, inoltre la bocca di aspirazione solitamente permette l'installazione di carburatori di notevoli dimensioni rispetto all'aspirazione lamellare al carter. La fase ovviamente è gestita dal lamellare.

Doppia aspirazione (al carter e al cilindro)

Sono veramente pochi i cilindri che implementano questa tipologia di aspirazione. Nel caso l'aspirazione avviene contemporaneamente al cilindroe al carter. Polini e Pinasco sono le uniche marche che producono gruppi termici predisposti per la doppia aspirazione. Polini presenta i suoi 102cc e 130cc e fornisce appositamente anche diversi collettori dedicati. Particolarità di questi collettori è che solo la parte collegata al cilindro viene regolata dal lamellare, mentre la parte di aspirazione al carter rimane a valvola rotante. Pinasco produceva in passato una versione DA 125cc, con la caratteristica che l'aspirazione al cilindro non era lamellare ma piston-ported.

Gruppi termici e tipologie di aspirazione

Alcuni cilindri sono predisposti per diversi tipi di aspirazione: ad esempio il Malossi 132cc può essere configurato con aspirazione al cilindro o al carter, mentre il Polini 130cc DA può avere la doppia aspirazione. Vediamo nel dettaglio.

Aspirazione al carter (rotante o lamellare)
Aspirazione al cilindro
Doppia aspirazione